Herculaneum 3D scan

Il progetto

Herculaneum 3D SCAN” nasce dalla volontà di condividere in anteprima con la comunità, sia essa quella propriamente scientifica, degli addetti ai lavori che del pubblico più ampio, parte della ricchissima banca dati raccolta nell’ambito della pluriennale attività di documentazione e monitoraggio del sito archeologico di Ercolano resa possibile grazie allo straordinario apporto del Packard Humanities Institute. Un esperimento condiviso che vuole esplorare non solo le nuove modalità di fruizione virtuale del Bene Culturale, realtà ben nota al grande pubblico, ma anche le potenzialità in termini di strumento di lavoro per il settore.

Le nuvole 3D

Le nuvole di punti 3D sono state acquisite nel corso delle attività di progettazione degli ultimi cinque anni. I dati messi a disposizione riguardano alcune delle domus più importanti dell’antica Herculaneum. Non si tratta di ricostruzioni virtuali bensì di vere e proprie scansioni tridimensionali: nuvole di punti 3D ad altissima densità acquisite per mezzo di laserscanner 3D e riprese fotogrammetriche da drone. All’interno della nuvola 3D è possibile navigare e visitare virtualmente i differenti ambienti delle domus ma anche misurare distanze, superfici, volumi o ancora estrarre sezioni ed esportare i risultati nei formati più comuni.


Note tecniche

La piattaforma è stata testata sui più comuni browser con compatibilità webGL (Chrome, Firefox, Safari).

Per un’esperienza ottimale è consigliato l’accesso da computer e l’uso di un mouse.


Crediti: Herculaneum 3D SCAN” è un progetto realizzato da:

  • Ascanio D’Andrea, Information Manager HCP (realizzazione piattaforma 3D)
  • Akhet s.r.l./ dott. Massimo Brizzi, consulenti HCP (acquisizione scansioni laser 3D e rilievo topografico)
  • Con tecnologia 3D a cura di ‘Potree open-source WebGL based point cloud renderer for large point clouds’ (http://www.potree.org) sviluppato dall’ Institute of Computer Graphics and Algorithmsdell’Università TU di Vienna.

nell’ambito dell’Herculaneum Conservation Project (http://www.herculaneum.org) i cui partner sono il Parco Archeologico di Ercolano (http://ercolano.beniculturali.it), il Packard Humanities Institute e l’Istituto Packard per i Beni Culturali

The project

“Herculaneum 3D SCAN” is a small preview of data collected as part of the long-term programme for the documentation and monitoring of the archaeological site of Herculaneum made possible by the extraordinary support of the Packard Humanities Institute. The intention is to share results with a larger and more diverse community including scholars, heritage professionals and the wider public. It can be seen as a shared experiment exploring not only how people engage with cultural heritage through digital resources, a reality well known to the general public, but also the benefits of providing working tools for the heritage sector.

The 3D point clouds

The 3D point clouds were acquired to inform conservation planning work over the last five years. The data relates to some of the most important domus of the ancient Herculaneum. These are not “virtual reconstructions” but real three-dimensional scans: very high-density 3D point clouds acquired by 3D laser scanners and photogrammetric drone images. It is possible for the user to relocate within the 3D clouds and visit the different ancient spaces of a Roman house virtually. They cann measure distances, surfaces, volumes or even extract sections. The results of these activities can then be exported in the most common software formats.


Technical notes:

The web site has been tested on the most common browsers with webGL compatibility (Chrome, Firefox, Safari).

It is recommended to access from a computer using a mouse.


Credits: “Herculaneum 3D scan” is a project realized by:

  • Ascanio D’Andrea, HCP Information Manager (3D website builder)
  • Akhet srl / dott. Massimo Brizzi, HCP consultants (3D laserscanning and topographic survey)
  • implemented with 3D technology by Potree open-source WebGL based point cloud renderer for large point clouds’ (http://www.potree.org) from the Institute of Computer Graphics and Algorithms of Vienna University TU.

as part of the Herculaneum Conservation Project (http://www.herculaneum.org) whose partners are the Parco Archeologico di Ercolano (http://ercolano.beniculturali.it), the Packard Humanities Institute and the Istituto Packard per i Beni Culturali.