Ferragosto al Parco Archeologico di Ercolano. Aperto il Teatro antico, proseguono i Percorsi serali de I Venerdì di Ercolano e gratuità nel giorno di Ferragosto.

  • paerco stampa
  • 6 agosto 2019

Si avvicina la settimana del Ferragosto e il Parco Archeologico di Ercolano propone un’offerta che va incontro ad ogni richiesta.

Ogni venerdì al Parco Archeologico di Ercolano  è possibile ammirare le rovine della cittadina vesuviana al chiaro di luna grazie al programma“I Venerdì di Ercolano”, i percorsi notturni di visite guidate e performance del programma Campania by night.

Le visite, realizzate in cofinanziamento dal Parco con la SCABEC Regione Campania, e in collaborazione con il Comune di Ercolano e numerose associazioni di volontariato, offrono percorsi accompagnati al sito, arricchiti da proiezioni di luci e riproposizioni in videomapping degli affreschi e delle statue attualmente conservate al Museo Archeologico Nazionale di Napoli provenienti dagli scavi borbonici. Suggestivi “Tableaux Vivants”, a cura di Teatri 35, completano questo percorso tra gli incanti della città antica.  Partite il 19 luglio le serate hanno registrato il tutto esaurito che ha indotto l’organizzazione ad introdurre turni in lingua inglese; l’iniziativa si ripeterà fino al 21 settembre. Si accede in gruppi di massimo 40 persone ciascuno con partenze ogni 10 minuti, dalle 20 alle 24, per un percorso della durata di un’ora; l’ultimo ingresso è alle ore 23.00.

I biglietti si acquistano in prevendita sul sito TicketOne e presso la biglietteria del Parco. (L’acquisto presso la biglietteria è possibile durante la settimana e fino alle ore 15.30 di ogni venerdì, oltre che durante la sera stessa dell’evento, dalle ore 20 alle ore 23). Tutte le informazioni riguardo l’evento ed il costo del ticket di ingresso sono disponibili sul sito ufficiale del Parco Archeologico di Ercolano e su quello di Campania ByNight.

Proseguono inoltre le aperture del percorso sotterraneo all’Antico Teatro di Ercolano tutte le domeniche con tre turni di visita. Un percorso sotterraneo unico nel suo genere concepito come una vera e propria esplorazione: i visitatori scendono sotto il materiale eruttivo a più di 20 metri attraverso scale e gallerie realizzate in età borbonica. Un viaggio nel tempo concepito come una vera ‘avventura’ archeo- speleologica, un’immersione nell’atmosfera del Grand Tour e nella brulicante vita di questo monumento antico in eccezionale stato di conservazione. I visitatori oltre ai resti dell’antico edificio possono osservare i graffiti lasciati nei secoli dai visitatori che, alla luce delle fiaccole, attraversarono nel XVIII e XIX secolo le gallerie e i pozzi creati per penetrare nelle viscere dell’antica Ercolano. Si possono ammirare persino piccole e giovani stalattiti che hanno solo 300 anni di età. Sepolto dall’eruzione del 79 d.C., fu il primo monumento ad essere scoperto nei siti vesuviani colpiti dal cataclisma. Fin dalla sua scoperta, suscitò grande interesse, nel corso del Settecento e dell’Ottocento, da parte dei colti viaggiatori che giungevano a Napoli da ogni parte d’Europa e diventò una tappa del Grand Tour.

Infine in occasione del Ferragosto, che coincide anche con la ricorrenza della Festa dell’Assunta particolarmente sentita ad Ercolano, per la prima volta gli Scavi, il Padiglione della Barca e la Mostra SplendOri resteranno aperti al pubblico con ingresso gratuito per tutti i visitatori.

Anche in questo modo- dichiara il Direttore– il Parco di Ercolano dimostra di essere aperto, inclusivo e vicino a tutti coloro che si trovano su questo splendido territorio durante la parte centrale del periodo estivo”.

Avviso chiusura rampa Martusciello – 2, 5, 6, 7 agosto 2019

  • paerco
  • 31 luglio 2019

ITA

Nei giorni 2, 5, 6, 7 agosto 2019 la rampa Martusciello di collegamento all’area dei Fornici è chiusa al pubblico, pertanto:

  • L’ingresso e l’uscita dall’area archeologica avviene esclusivamente dal ponte del III cardo.
  • L’accesso ai fornici sull’antica spiaggia e alla terrazza di Nonio Balbo avviene esclusivamente dal V cardo.

Ci scusiamo per il disagio.

 

ENG

On the 2nd, 5th, 6th, 7th of August 2019 the Martusciello ramp to Fornici is closed for manteinance, therefore:

  • the visit to the excavations area is by means of the III cardo bridge.
  • the entrance to the Fornici is the V cardo.

We are sorry for the inconvenience.

I Venerdì di Ercolano – avviso istituzione turno in lingua inglese

  • paerco
  • 31 luglio 2019

Si avvisano i gentili visitatori che a partire da venerdì 2 agosto sarà istituito un turno in lingua inglese (ore 21.30).

  • Scopri di più su “I Venerdì di Ercolano” (clicca qui)
  • Clicca qui per acquistare il ticket d’ingresso all’evento

 

We’re glad to inform you that – within the event “Friday Nights in Herculaneum” – an english language session will be arranged (9.30 PM).

 

 

Avviso chiusura Ponte Maillart 24, 25 luglio.

  • paerco
  • 26 luglio 2019

Mercoledì 24, giovedì 25  l’accesso al sito è consentito unicamente da Via Dei Papiri Ercolanesi per lavori al Ponte Maillart.

Ci scusiamo per il disagio.

 

On the 24th, 25th of July 2019 the only entrance to the Parco is Via Dei Papiri Ercolanesi for manteinance of the Ponte Maillart.

 

We are sorry for the inconvenience.

 

 

​​​​​​ I VENERDì DI ERCOLANO DAL 19 LUGLIO AL 21 SETTEMBRE tableux vivants, luci e videomapping www.campaniabynight.it

  • paerco stampa
  • 17 luglio 2019

Partono i “I Venerdì di Ercolano”, i percorsi notturni di visite guidate e performance del programma Campania by night.

Le visite, realizzate dalla SCABEC Regione Campania in collaborazione con il MIBAC, il Parco Archeologico di Ercolano e il Comune di Ercolano, offrono percorsi accompagnati al sito, arricchiti di proiezioni di luci e riproposizioni in videomapping degli affreschi e delle statue attualmente conservate al Museo Archeologico Nazionale di Napoli provenienti dagli scavi borbonici. Suggestivi “Tableaux Vivants”, a cura di Teatri 35, valorizzeranno questo percorso tra gli incanti della città antica.

Soddisfatto il direttore Francesco Sirano: “Il virtuale supporta il reale per avvicinare al grande pubblico i risultati della ricerca archeologica e migliorare la fruizione; si tratta, infatti, di una realizzazione artistica nella quale i tableaux vivants partiranno rievocando le sculture della Villa dei Papiri per poi rappresentare alcune opere oggi al MANN o scene di vita quotidiana. Le immagini renderanno plasticamente comprensibile il connubio tra i vari generi di espressione figurativa che caratterizzavano l’arte romana che attingeva sia ad un patrimonio di altissimo livello, ispirato all’arte greca del V e del IV secolo a.C., sia a quella che un tempo si chiamava arte plebea, o popolare, oggi detta “non elitaria”, e ad un immaginario apparentemente più spontaneo ma egualmente studiato e dotato di grande forza di comunicazione.  Le proiezioni riporteranno ad Ercolano affreschi conservati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli che saranno visibili, per quanto possibile, nei luoghi esatti di provenienza. Grazie al circuito serale Ercolano amplia l’offerta per rendere sempre di più la visita una concreta e piacevole esperienza di conoscenza sia per i turisti che per i residenti attraverso nuove chiavi di lettura dell’area archeologica”.

Sono previste 11 aperture serali, a partire dal 19 luglio fino al 20 settembre, e il 21 settembrein occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, con gruppi da massimo 40 persone ciascuno, e partenze ogni 10 minuti, dalle 20 alle 24, per un percorso della durata di un’ora.  L’ultimo ingresso è alle ore 23.00.

“Con Ercolano si apre la stagione serale in uno dei nostri siti più interessanti –  dichiara la vice presidente di Scabec Teresa Armato – e con il quale abbiamo già sperimentato altre iniziative di valorizzazione, come la Ercolano Vesuvio Card, anche grazie alla collaborazione con gli altri attrattori culturali presenti in quest’area e grazie alla sinergia con le amministrazioni locali, a cominciare dal Comune di Ercolano”.

“Grazie a questa iniziativa – conclude il Sindaco di Ercolano Buonajuto – i visitatori avranno la possibilità di vivere l’esperienza nella Città antica in un’atmosfera unica che renderà ancora più suggestivo il viaggio tra strade e abitazioni risalenti a duemila anni fa. Siamo certi che queste aperture serali costituiranno un ulteriore impulso positivo per le attività ricettive del territorio ed un’eccezionale proposta per i turisti che sempre più frequentemente scelgono Ercolano come base per il proprio soggiorno in provincia di Napoli”.

I biglietti in prevendita sono acquistabili on line sul sito www.ticketone.it (con commissione di prevendita di 1,50 euro) o direttamente presso la biglietteria del Parco Archeologico fino ad esaurimento posti. I biglietti in prevendita sono acquistabili fino alle ore 15.30 del venerdì. La biglietteria sarà inoltre aperta dalle ore 20.00 alle ore 23.00 la sera dell’evento. Il prezzo del biglietto è € 5.00; per i minorenni ingresso gratuito; per i giovani tra i 18 e i 25 anni (non compiuti) ingresso agevolato a € 2.00

SCARICA LA CARTELLA STAMPA

Pubblicato il bando di gara per il miglioramento dell’accessibilità dell’Area Archeologica Scadenza 20 agosto 2019

  • paerco
  • 17 luglio 2019

Il Parco Archeologico di Ercolano si apre alla progettazione e alle migliori professionalità nazionali e internazionali per gli interventi di scavo, manutenzione e miglioramento dell’accessibilità dell’Area archeologica. Pubblicato in questi giorni il bando di gara “Area Archeologica di Ercolano: interventi di scavo, manutenzione straordinaria, gestione delle acque, risanamento scarpate, miglioramento dell’accessibilità dell’are degli “Scavi Nuovi” e del suo collegamento con la città antica nell’ambito della formazione del Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA) del Parco Archeologico”

Il progetto è interamente finanziato dal MiBAC – Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, delibera CIPE n. 3 del 01.05.2016 Piano Stralcio “Cultura e Turismo”, intervento n. 6 e dal Piano di interventi finanziato ai sensi dell’art. 1, comma 140 della Legge 11 dicembre 2016 n° 232 per un totale di 6 Milioni di Euro.

Il bando riguarda una zona immediatamente adiacente il Parco Archeologico che include alcuni quartieri posti sul limite nord della città antica e anche la Villa dei Papiri i cui straordinari ritrovamenti sono proprio in questi giorni oggetto dell’attenzione internazionale per la mostra “Buried by Vesuvius: Treasures from the Villa ei Papiri” al Getty Museum di Los Angeles i collaborazione con il MANN e il Parco Archeologico di Ercolano.

“La gara europea a procedura aperta pubblicata dal Parco Archeologico di Ercolano è frutto della programmazione congiunta tra il nuovo staff del Parco e il team dell’Herculaneum Conservation Project che affianca il partner pubblico dal 2001 su mandato della Fondazione filantropica Packard Humanities Institute. Il progetto riguarderà la messa in sicurezza dei fronti di scavo, il completamento degli scavi già in luce e l’accessibilità dell’intera area dei “Nuovi Scavi” dove si trovano i resti visitabili fino al 2008 della Villa dei Papiri –dichiara il direttore del Parco Francesco Sirano– Entro il 2021 finalmente riapriremo il collegamento con l’Antica Spiaggia. Non solo integreremo nel percorso di visita del Parco anche la famosa Villa dei Papiri, ma metteremo tutti i visitatori di apprezzare lo straordinario fronte a mare della città antica esempio unico di conservazione in tutto il mondo romano. ”

 

Il termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione è fissato per il  20/08/2019.

VAI ALLA SEZIONE AVVISI, BANDI E INVITI DEL PORTALE TRASPARENZA DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI ERCOLANO

Mostra Splendori chiusa il 16 luglio ore 8.30-13.30

  • paerco
  • 16 luglio 2019

Il giorno 16 luglio 2019, dalle ore 8.30-13.30 la mostra “SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano” è chiusa per manutenzione straordinaria.

Ci scusiamo per il disagio.

 

On the 16th of July 2019 from 8.30 a.m. to 13.30 a.m the exhibition “SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano” is closed for manteinance.

We are sorry for the inconvenience.

FONDAZIONE FS/MUSEO FERROVIARIO PIETRARSA: GLI SCAVI DI ERCOLANO TRA I SITI VISITABILI CON BIGLIETTO INTEGRATO

  • paerco
  • 12 luglio 2019

·      un nuovo accordo inserisce il Parco Archeologico sulla “Linea del Mare”

·      l’iniziativa segue quella già avviata con Mann e Musa

·      biglietti acquistabili fino al 31 dicembre

Una nuova iniziativa di promozione turistica e culturale collega virtualmente, sulla “Linea del Mare”, il Parco Archeologico di Ercolano, il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa e il Museo delle Scienze Agrarie di Portici.

Grazie a una convenzione firmata da Fondazione FS Italiane/Museo di Pietrarsa, Parco Archeologico di Ercolano, MUSA (Museo delle Scienze Agrarie di Portici), sarà possibile visitare i tre siti, facilmente raggiungibili con i treni della linea ferroviaria costiera Napoli – Salerno, a condizioni particolarmente vantaggiose.

L’accordo segue di poche settimane quello sottoscritto con il MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli) offrendo analoghe opportunità di ingresso con l’acquisto di un solo biglietto integrato che, al prezzo variabile dai 6 ai 15 euro e con validità di due giorni dal momento del primo utilizzo, consentirà di entrare e visitare liberamente il Museo Ferroviario di Pietrarsa, il Centro MUSA della Reggia di Portici e gli Scavi di Ercolano.

“Si tratta – ha dichiarato soddisfatto Francesco Sirano, direttore del Parco Archeologico di Ercolano – di un’ulteriore iniziativa nel segno della tessitura di una offerta culturale territoriale integrata, in cui le istituzioni collaborano per offrire ai visitatori sempre nuove opportunità di accrescimento culturale e svago”.

I biglietti integrati potranno essere acquistati on site presso le biglietterie dei rispettivi musei ed avranno validità pari a 2 giorni dalla prima vidimazione.

Le visite dei gruppi dovranno avvenire comunque tramite prenotazione ai rispettivi siti.

***

BIGLIETTI INTEGRATI PER SINGOLI VISITATORI

Biglietto integrato “intero” per singolo visitatore:

i) tariffa pro capite € 15,00;

ii) destinato esclusivamente ai visitatori maggiorenni;

iii) il biglietto include la visita libera ai tre siti museali negli orari di apertura degli stessi;

 

BIGLIETTI INTEGRATI PER GRUPPI DI VISITATORI

Biglietto integrato per gruppi di adulti:

i) tariffa pro capite € 13,50;

ii) il gruppo deve essere composto da un minimo di 15 visitatori con prenotazione obbligatoria;

iii) il biglietto è valido per una visita libera del sito, il servizio guida può essere acquistato presso ogni sito secondo le modalità e i costi previsti da ognuno;

 

BIGLIETTO INTEGRATO PER SCOLARESCHE E UNDER 18 ANNI:

i) tariffa pro capite € 6,00;

ii) destinato esclusivamente a studenti frequentanti istituti scolastici di ogni ordine e grado, accompagnati da almeno un docente e agli under 18 anni ccompagnati da un adulto;

iii) consistenza minima della scolaresca: 15 studenti;

iv) potranno usufruire del biglietto omaggio un (1) docente accompagnatore ogni 10 studenti paganti;

v) il biglietto è valido per una visita libera del sito, il servizio guida può essere acquistato secondo le modalità riportate nella sezione Orari e Contatti di questo sito.

30th Summer Universiade NAPOLI2019 il Parco Archeologico di Ercolano luogo eletto dagli atleti

  • paerco stampa
  • 5 luglio 2019

Non solo sport: il Comitato Organizzatore della 30^ Summer Universiade propone ad atleti e delegati un vasto programma culturale alla scoperta della cultura e delle meraviglie di Napoli e della Campania. Dalla musica alle mostre, e ancora, scavi archeologici, teatro e workshop, gli appuntamenti si terranno in alcuni dei luoghi più suggestivi del territorio durante tutta la durata della manifestazione sportiva.

Il 5 luglio il Parco Archeologico di Ercolano ospita una folta delegazione di responsabili FISU e atleti che potranno visitare le bellezze del sito. Il percorso toccherà le principali domus e monumenti soffermandosi sulle terme Centrali e la Palestra.

Il Parco archeologico di Ercolano – dichiara il direttore Francesco Sirano – è luogo elettivo grazie alla presenza dell’antica Palestra sede delle associazioni degli iuvenes futuri cittadini di Herculaneum e luogo dove si svolgevano allenamenti e gare. La palestra era  dotata di un portico di larghezza doppia rispetto al normale per le corse al coperto, di grandiose sale di rappresentanza e di  culto e di una splendida piscina a forma di croce che aveva al centro una fontana in bronzo raffigurante l’Idra di Lerna, una delle più importanti fatiche di Ercole.  Questo straordinario monumento testimonia di quanta attenzione nel mondo antico venisse dedicata alla pratica sportiva quale momento fondamentale dell’educazione delle giovani generazioni. Sono davvero soddisfatto della scelta di visitare Ercolano e di ricevere una delegazione tanto numerosa di partecipanti a questo evento mondiale, a dimostrazione dell’interesse per i luoghi d’arte che in tal modo hanno ulteriore possibilità di diventare testimonianza di cultura antica ma anche di sana gestione e buona valorizzazione”.

PROGRAMMA INIZIATIVE TRA SITO E CITTA’ E PROGETTO ‘VIA MARE’ A ERCOLANO ’Harnessing heritage benefits’ – quadro riassuntivo dell’iniziativa

  • paerco
  • 4 luglio 2019

Il direttore Sirano, il sindaco Buonajuto e l’avvocato Barbieri, presidente della Fondazione Istituto Packard per i Beni Culturali

L’iniziativa ‘Via Mare’ nasce in seno all’Herculaneum Conservation Project a partire dal 2006, su spinta del Dr. David W. Packard per favorire il miglioramento dell’interfaccia sia materiale sia immateriale dei confini tra sito e città moderna. Nel 2007, grazie alla firma di un protocollo di intesa, l’allora Soprintendenza archeologica, oggi il Parco Archeologico di Ercolano, avvia una collaborazione con gli enti locali (Comune e Regione) per il miglioramento dei confini realizzando una passerella pedonale a Nord degli scavi e il Parco Maiuri per un valore complessivo di oltre € 2.5 ML. Il progetto condiviso ha previsto opere di demolizione e di messa in sicurezza che hanno interessato un’area di circa 5.000 mq a nord ovest del sito, nel quartiere densamente edificato di Via Mare esteso sopra al foro dell’antica Herculaneum. Il quartiere è, infatti, uno dei più danneggiati dall’impatto dei grandi scavi 1927-1958, che lo ha isolato fisicamente e socialmente dal resto del centro storico.

Sempre in quegli anni prendono avvio altre iniziative che cercano di creare una sponda tra comunità locale e istituzioni, grazie alla collaborazione con realtà no profit come il Centro Herculaneum e Radio Siani.

Sull’onda di questi primi cambiamenti, nel 2009 nasce il progetto di riqualificazione Via Mare – Via dei Cortili, a cui vengono destinati € 2.6 ML da parte del Comune di Ercolano. Nel 2012, il Packard Humanities Institute si dichiara disponibile a supportare l’operazione, attraverso il suo braccio italiano l’Istituto Packard per i Beni Culturali e altri partner, con la redazione del progetto e con il contributo all’acquisizione dei 3 edifici ancora insistenti sui suoli liberati; il tutto con un impegno economico fino a € 3 ML.

Il giorno 23 gennaio 2014 viene siglato un Accordo tra l’allora Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, l’allora Ministro per la Coesione Territoriale, l’allora Soprintendenza archeologica, l’allora Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici, il Comune di Ercolano e l’Istituto Packard, per la “tutela e valorizzazione del sito archeologico di Ercolano e per la riqualificazione delle aree comprese tra Via Cortili e Via Mare”.

Si decide di elaborare due progetti, uno per la demolizione e messa in sicurezza dell’area, a cura e spese dell’Istituto Packard (progetto ‘Ampliamento del Parco Archeologico di Ercolano a nord ovest degli Scavi’) e il rinnovato progetto ‘Riqualificazione…’ che il Comune di Ercolano nel 2016, sotto una nuova giunta, rifinanzia con fondi propri.

L’appalto ‘Ampliamento…’ dell’Istituto Packard è stato completato tra gennaio 2015 e marzo 2018. Il cantiere ha avuto anche la funzione, non secondaria, di rassicurare i residenti sulla continuità dei lavori e di presidio di legalità.  Nel primo semestre dell’anno 2019, si avvia finalmente l’appalto ‘Riqualificazione’.

 

Il progetto di riqualificazione finalmente all’avvio:

Con la consegna dei lavori di ‘Riqualificazione’ nel luglio 2019 inizia finalmente l’ultimo tassello di questo complesso mosaico che porterà l’atteso cambiamento urbanistico, culturale e sociale nel rapporto tra città antica e città moderna.

 

Via Mare oggi nel tratto basso sovrastante alla casa di Aristide nel sito archeologico

un fotomontaggio della vista sulla città antica al termine dei lavori

Infatti, le misure previste lungo la via Mare, con l’abbattimento del muro di confine, e l’apertura di uno spazio pubblico verde, gestito in parte dal Parco Archeologico di Ercolano e in parte dal Comune nel cuore del centro storico, affacciato sul sito archeologico e in corrispondenza del Teatro antico sotterraneo, cambieranno potenzialmente tutte le dinamiche dei flussi turistici e promuoveranno nel tempo nuove iniziative culturali e sociali, togliendo Via Mare dall’isolamento e anzi dando al quartiere una posizione di rilievo nel centro storico. Inoltre, il contributo delle associazioni, che hanno affiancato il progetto fin dalla sua redazione, ha favorito il miglioramento del dialogo con la comunità locale e ha offerto ulteriori spunti di sviluppo culturale e sociale per l’intero territorio ercolanense. Il progetto Via Mare è visto come pilota a scala territoriale, innescando delle azioni virtuose anche sui restanti confini sito-città. Grande attenzione e interesse è stato manifestato da numerosi organismi internazionali, tra cui l’Unesco, che da tempo promuove la creazione di una zona filtro per tutti i siti vesuviani.

La rivoluzione che cambierà potenzialmente tutte le dinamiche, dai flussi turistici alle abitudini dei residenti, e promuoverà nel tempo nuove iniziative culturali e sociali, togliendo Via Mare dall’isolamento e anzi dando al quartiere una posizione di rilievo ad Ercolano.

La riqualificazione di Via Mare, prima delle demolizioni.

La riqualificazione di Via Mare, durante i lavori di riqualificazione.

La riqualificazione di Via Mare: l’esito finale.

Planimetria di stato di fatto

SCARICA LA CARTELLA STAMPA

1 2 3 13